Life On Your Face

web_Life-On-Your-Face2

In mostra dipinti, fotografie e disegni della giovane artista siciliana Laura Costantino, alla sua prima esposizione fiorentina. Come indicato dal titolo della mostra, Life on your face, le opere della Costantino indagano il volto come confine tra il dentro e il fuori dell’individuo, vero e proprio diaframma che divide la dimensione identitaria dall’alterità del mondo esterno. Il volto racconta tutto di noi, passioni, paure, dolori, speranze, conflitti non risolti. Una narrazione che si carica di altri significati se il volto indagato è quello femminile, nelle sue diverse età e configurazioni. Fasi, momenti, passaggi cronologici ed esistenziali che Laura Costantino ricostruisce attraverso i volti delle sue donne, partendo dall’infanzia ed arrivando all’età matura. Ogni volto ha la sua storia ed ogni età la sua bellezza: non c’è un canone, tantomeno una regola, ma solo vita che scorre, lasciando tracce indelebili. Di questi segni che solcano il volto, l’artista siciliana cattura l’essenza, il senso nascosto e profondo, mutandolo in un vibrante tessuto cromatico. Al colore, Costantino affida il compito di esprimere il non detto, l’emozione celata in uno sguardo, il segreto di una ruga carica di vissuto. Dettagli che la fotografia per prima le consente di catturare, immortalando i soggetti dei suoi dipinti in pose ed attitudini che ne rappresentano il carattere. Lungi dall’essere modello della pittura, la fotografia è per lei un raffinato mezzo d’indagine della realtà, un linguaggio artistico coltivato parallelamente alla pittura e non come suo strumento. Il bianco e nero fotografico è già colore che prelude al chiaroscuro dei volti disegnati. Quest’ultimi devono intendersi come il tramite tra fotografia e pittura, una fase di studio del soggetto che ne anticipa la trascrizione pittorica. Nel passaggio da un medium all’altro il volto raffigurato non è mai uguale a se stesso, ma ogni volta nuovo e diverso; è come se procedendo dalla fotografia, al disegno, alla pittura, il volto mostrasse lati inediti di sé che l’artista ha saputo cogliere e fermare nell’immagine. Un viaggio nell’universo femminile, lontano da ogni retorica e stereotipo, capace, invece, di restituire con verità ed emozione le tante sfaccettature dell’essere donna.

(Daniela Pronestì)

SHARE

RELATED PORTFOLIO